La Commissione non allenti la pressione sul governo polacco affinché rispetti lo Stato di diritto

Poland  and EU flag - rule of law democracy

Durante un dibattito al Parlamento europeo, il gruppo S&D ha esortato la Commissione europea a non allentare la pressione sul governo polacco in merito alle riforme del sistema giudiziario del Paese.

Il presidente del gruppo S&D Udo Bullmann dichiara:

“La Polonia è parte integrante dell'Ue. Ha compiuto incredibili progressi nei 14 anni successivi all'adesione, sia dal punto di vista economico che politico. Tuttavia, tale progresso è stato costruito sulla base di istituzioni solide e indipendenti. Istituzioni che adesso sono in pericolo. La Commissione europea, così come numerosi altri osservatori indipendenti, ha considerato le recenti modifiche al sistema giudiziario come una minaccia allo stato di diritto e all'indipendenza della magistratura. Ciò ha conseguenze non solo per la Polonia, ma per l'intera Ue.

“La Commissione europea è il custode dei trattati dell'Ue e ha la responsabilità di agire quando vedono una minaccia allo stato di diritto in qualsiasi Stato membro. Per questo motivo abbiamo appoggiato pienamente la decisione della Commissione europea di avviare le procedure previste dall'articolo 7 a dicembre dello scorso anno. Siamo profondamente preoccupati dalle voci secondo cui il partito conservatore del Ppe stia facendo pressioni sulla Commissione affinché rinunci a queste procedure nella speranza di un sostegno politico da parte del governo polacco. La Commissione ha un ruolo essenziale e non politico nella protezione dei trattati dell'Ue. Esortiamo il gruppo Ppe a chiarire i suoi intenti sul far venire meno questa ruolo per un tornaconto elettorale a basso costo”.

Il vicepresidente del gruppo S&D, Josef Weidenholzer, aggiunge:

“Siamo preoccupati per i tentativi del governo polacco di politicizzare la magistratura. Li esortiamo ad adottare definitivamente le raccomandazioni della Commissione e porre fine a questa crisi. Le concessioni che hanno offerto finora sono in gran parte superficiali e non affrontano i problemi principali con i cambiamenti. Lo diremo direttamente al primo ministro polacco quando si presenterà al Parlamento europeo a luglio.

“Siamo al fianco del popolo polacco che lotta per proteggere la propria democrazia. Esortiamo la Commissione a non abbandonare queste persone e continuare a fare pressione sul governo affinché cambi rotta”.