Bullmann: “Se vogliamo assicurare la pace, dobbiamo difendere le democrazie dal Trumpismo”

Pittella: Trump is the expression of a virus spreading across the US and EU. The EU must now reform, abandon step-by-step policy and address people's concerns

In occasione del Vertice della NATO, il presidente S&D Udo Bullmann afferma:

“Il mondo non diventerà un posto più sicuro con un presidente degli Stati Uniti che chiede solo di aumentare sempre più spese militari e va contro i suoi più stretti partner. Questa strada di fuoco e fiamme non ci  porterà da nessuna parte. Fissarsi come fa Trump su un obiettivo di spesa del 2% o addirittura del 4% è un modo miope e ignorante di garantire la sicurezza. Vi sono altri strumenti essenziali per farlo. La via europea alla sicurezza globale non consiste solo nello spendere sempre più denaro in armamenti e armi. Investire nello sviluppo economico, politico e sociale e promuovere la cooperazione e la diplomazia possono avere un'importanza uguale o addirittura maggiore. E questo spiega perché le nostre azioni siano sempre prese in pieno coordinamento con gli attori globali e in sedi multilaterali come la NATO e le Nazioni Unite. Mettendo in discussione o minando queste importanti alleanze come fa Trump, rischia di rendere il mondo un posto più pericoloso.

“La più grande minaccia per la sicurezza europea che stiamo affrontando al momento non è quella delle armi o delle bombe, ma il modo trumpista di fare politica che sta infettando l'Europa: i governi di Polonia e Ungheria stanno minando continuamente strutture e meccanismi democratici. In Austria, e in parte anche in Germania, i leader stanno promuovendo la xenofobia e giocando con le paure della gente per ottenere voti. Tutto questo trova il plauso, se non l’aperto sostegno del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dalla sua amministrazione. Se vogliamo assicurare pace e stabilità in Europa, dobbiamo difendere la democrazia, lo stato di diritto e i diritti umani dalla minaccia del populismo e del nazionalismo.

“Ci aspettiamo che il presidente Donald Trump torni a un modo ragionevole e rispettoso di fare politica, e lo esortiamo a ribadire in modo chiaro e inequivocabile che gli Stati Uniti continueranno a onorare l'articolo 5 del trattato della NATO che afferma che un attacco armato contro uno o più degli alleati in Europa o in Nord America devono essere considerati un attacco contro tutti loro: questo impegno è il cuore della nostra storica alleanza”.