S&D: servono più investimenti per promuovere una ripresa sostenibile dell’economia europea

More investment needed to boost a sustainable recovery of the European economy, say S&Ds, #EuropeTogether, S&D MEP Udo Bullmann, European Fund for strategic investments (EFSI), climate COP 21, Eider Gardiazábal,

I negoziatori di Parlamento e Consiglio hanno raggiunto la scorsa sera l’accordo per estendere il piano di investimenti europeo fino al 2020, con l’obiettivo di mobilitare fino a 500 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati.

I negoziatoro del Parlamento europeo, l’eurodeputato del Ppe, Jose Manuel Fernandes, e il parlamentare S&D Udo Bullmann dichiarano:

“L’accordo politico raggiunto ieri sera sull’estensione del Fondo europeo per gli investimenti strategici (l’EFSI) è arrivato grazie all’enorme sforzo di tutto il team negoziale del Parlamento. Il risultato assicura una maggiore efficacia e più enfasi sugli investimenti sostenibili, cosa che migliorerà il contributo dell’EFSI alla modernizzazione e alla rivitalizzazione dell’economia Ue.

“L’EFSI non deve essere uno strumento che si limita a produrre cifre impressionanti. Il suo ruolo è di sostenere progetti che abbiano alti ritorni economici e sociali. Abbiamo assicurato che cio’ sarà al cuore della missione del fondo. Attraverso una maggiore trasparenza nella procedura di selezione, il fondo sarà obbligato a selezionare i migliori soggetti, riducendo la concorrenza con altre fonti di finanziamento e ponendo maggiore enfasi sulla lotta al cambiamento climatico in linea con gli accordi della COP21.

“Nel preparare quella che è stata una vera e proprio maratona negoziale, il nostro team ha ascoltato con attenzione le preoccupazioni di stakeholder e professionisti. Cio’ ha solo accresciuto la nostra determinazione a migliorare la collaborazione dell’EFSI con i partner locali al fine di assicurare che i progetti medi e piccoli possano avere la possibilità di rivecere sostegno. L’accordo di ieri sera è una grande vittoria in tal senso, dato che rafforza significativamente il ruolo degli attori regionali come le banche per il sostegno alle imprese e piattaforme di investimento.

“Il coinvolgimento del Parlamento non si ferma qui. Abbiamo dato battaglia per ottenere il diritto a nominare un esperto nel consiglio direttivo dell’EFSI. Un soggetto indipendente garantirà che la corsa a fantasiose storie di successo non impedisca una attuazione adeguata delle nuove regole vigenti”.

La coordinatrice del gruppo S&D in commissione Bilancio, Eider Gardiazábal aggiunge: 

“Questo rafforzamento dell’EFSI puo’ aiutare a creare occupazione di alta qualità, rafforzando la crescita e la competitività europea e garantendo che dal programma Connecting Europe Facility (CEF) siano sottratte meno risorse. Tale programma è molto importante, in quanto mira a finanziarie infrastrutture transfrontaliere. Sarebbe controproducente, pertanto, sottrarre grandi risorse a favore dell’EFSI. L’accordo finale consente di avere una maggiore garanzia Ue, 26 miliardi di euro, e assicura al contempo che non ci siano risorse sottratte ad altri, importanti progetti Ue”.