Pittella e Gualtieri: positivi i progressi sull’accordo per il divorzio ma c’è ancora tanta strada da fare

BREXIT

Gli eurodeputati S&D esprimono apprezzamento per il documento congiunto che riconosce i progressi compiuti nella prima fase dei negoziati sull’uscita del Regno Unito dall’Unione europea e considera che questi siano sufficienti per passare alla seconda fase.

 

Il presidente del gruppo S&D Gianni Pittella e il negoziatore del gruppo per la Brexit, Roberto Gualtieri, dichiarano:


"Siamo contenti di essere riusciti a raggiungere un accordo sulle tre principali questioni relative al divorzio. Ma prima di dare il nostro consenso definitivo, attendiamo di vedere come questo accordo verrà messo in pratica, con coerenza e senza ambiguità, e se si raggiungerà una soluzione positiva sulle restanti questioni in sospeso.

"Per quanto riguarda i diritti dei cittadini, siamo lieti che l'accordo garantisca la protezione dei diritti di tutti i cittadini dell'Ue e del Regno Unito e delle loro famiglie, compresi i bambini nati in futuro. Abbiamo assicurato che le procedure amministrative per ottenere lo status di cittadino non comportino ulteriori oneri amministrativi o finanziari. Le persone continueranno ad avere il loro accesso all'assistenza sanitaria e alla sicurezza sociale come avvenuto finora. La Commissione europea fungerà da suprema garante e sarà in grado di intervenire in casi rilevanti sull'interpretazione dei diritti dei cittadini davanti ai tribunali del Regno Unito”.

“Esprimiamo apprezzamento anche per il fatto che la nuova autorità nazionale indipendente nel Regno Unito e la Commissione europea monitoreranno l’attuazione e l’applicazione dei diritti dei cittadini. Questo è fondamentale per assicurare la corretta interpretazione dell’accordo sull’uscita e il diritto a eventuali risarcimenti per i cittadini. Serve ancora chiarezza su alcune questioni. Insisteremo sul fatto che nell’accordo finale i futuri partner siano coperti, che il carico amministrativo sia il minore possibile e che il ruolo della Corte di giustizia Ue sia definito in modo preciso.

"Sull'Irlanda del Nord, siamo felici di vedere che Theresa May sia finalmente riuscita a trovare un accordo con i suoi partner a Londra. Mantenere la piena integrità del mercato unico e dell'unione doganale è di fondamentale importanza per il gruppo S&D. Pertanto, accogliamo con favore la decisione finale del Regno Unito di rimanere pienamente allineata alle regole del mercato interno e dell'unione doganale, a meno che entrambe le parti non concordino un’altra soluzione.

"In ultimo, ma non meno importante, sui problemi di separazione siamo lieti che il governo britannico abbia finalmente accettato di onorare i suoi impegni finanziari presi come Stato membro.

"Il periodo di transizione di circa due anni richiesto dal Regno Unito sembra una soluzione pragmatica. Tuttavia, deve essere chiaro che il periodo di transizione comporterà, durante questo periodo, la proroga dell'intero acquis dell'Ue, il che significa che il Regno Unito deve rispettare tutte le leggi dell'Ue, rispettare gli impegni di bilancio e rispettare le sentenze della Corte di giustizia.

"Il nostro gruppo e il Parlamento lavoreranno alla conclusione dell'accordo sull’uscita e alla definizione delle disposizioni transitorie e del quadro delle relazioni future in linea con i principi stabiliti nelle nostre risoluzioni”.