Vittoria S&D sulle nuove regole per evitare un nuovo scandalo Dieselgate

Dieselgate car touchscreen is touched by car mechanic

Stamattina, i negoziatori del Parlamento europeo, della Commissione e del Consiglio hanno raggiunto un accordo politico sulla nuova legge dell'Ue volta a prevenire le frodi legate alle emissioni. In risposta allo scandalo Dieselgate, che aveva rivelato il grave fallimento dell'attuale sistema, i Socialisti e Democratici avevano preso l'iniziativa nel rafforzare le omologazioni e i controlli sulle nuove auto con lo scopo di proteggere meglio i consumatori e l'ambiente e ripristinare la fiducia nell'industria auto.

L'accordo di oggi include una forte supervisione dell'Ue sia sull'omologazione che sulla sorveglianza del mercato; un sistema di scambio online sui dati di omologazione e sorveglianza del mercato per aumentare la trasparenza, con dati disponibili anche per terze parti per test di conformità indipendenti; obiettivi minimi per una rigorosa sorveglianza del mercato condotta dagli Stati membri sulla base del pieno rispetto di tutti i test sulle emissioni; sanzioni severe per i produttori e le autorità che non rispettano le norme, nonché disposizioni volte a garantire che, in seguito a misure correttive quali il ritiro dei veicoli, il problema debba essere risolto gratuitamente o che i consumatori che hanno già pagato le misure siano risarciti .

           

Christel Schaldemose, eurodeputata e negoziatrice S&D sulle omologazioni, dichiara:

"Dopo difficili negoziati e la resistenza iniziale degli Stati membri ad accettare le nostre proposte più ambiziose, alla fine abbiamo raggiunto un buon compromesso per evitare nuove frodi sulle emissioni in futuro. Prendendo spunto dalla lezione dello scandalo Dieselgate, abbiamo cercato e ottenuto una forte supervisione da parte dell'Ue sia in termini di omologazione delle nuove auto che di sorveglianza del mercato. Abbiamo insistito sul coinvolgimento della Commissione negli audit periodici delle autorità che concedono l'omologazione per garantire che le nuove norme siano applicate in modo equo, rigoroso e uniforme.

"D'ora in poi gli Stati membri dovranno conformarsi agli standard per assicurare una rigorosa sorveglianza del mercato e un alto grado di trasparenza nelle attività delle loro autorità. Siamo anche riusciti a introdurre sanzioni severe per tutte le case automobilistiche che dovessero aggirare questo nuovo sistema e tutele per i cittadini che potrebbero essere economicamente colpiti da veicoli non conformi. I diritti dei consumatori e l'ambiente devono essere protetti. L'accordo di oggi contribuirà a proteggere entrambi, ma continueremo anche a lottare per diritti più orizzontali dei consumatori nei casi in cui i cittadini siano stati presi in giro”.

 

Nicola Danti, eurodeputato e portavoce S&D sul mercato interno e la protezione dei consumatori, aggiunge:

"L'accordo di oggi sulle nuove norme per l'omologazione delle auto e la sorveglianza del mercato è una buona notizia per i consumatori e l'ambiente. Siamo riusciti a introdurre miglioramenti sui controlli e la supervisione dell'Ue, dal momento che il sistema attuale è carente, e abbiamo ottenuto garanzie per i consumatori, in modo che non siano costretti a pagare in caso di eventuali non conformità dei loro veicoli. Come Socialisti e Democratici non accetteremo un altro Dieselgate e continueremo a lottare per l'approvazione e l'attuazione delle nuove regole concordate oggi nell'interesse dei nostri cittadini”.