Udo Bullmann: “Pezzi di CDU e CSU continuano a portare avanti idee vecchie e fallimentari”

The eurozone is in urgent need of a fiscal capacity. The euro management profits should directly revert back to reinforce the Monetary Union, say S&Ds, European Central Bank (ECB), European Central Bank's annual report, S&D Euro MPs Elisa Ferreira and Jon

In vista di un importante dibattito nel Bundestag, il presidente del gruppo S&D, Udo Bullmann, ha esortato i falchi del gruppo parlamentare conservatore CDU/CSU ad accettare un Fondo Monetario Europeo (FME) pienamente integrato.

 

Udo Bullmann ha dichiarato:

“Guidati dal vicepresidente del gruppo, Ralph Brinkhaus, alcuni pezzi dei conservatori tedeschi stanno cercando di far deragliare il progetto di trasformare il meccanismo di stabilità europeo in un vero e proprio Fondo Monetario Europeo basato sul metodo comunitario. Si tratta di un attacco ideologico al futuro dell'Unione economica e monetaria, un attacco che dimentica l'esperienza della crisi dell'euro”.

Nel fine settimana è emerso che Brinkhaus è pronto a presentare una bozza di risoluzione in occasione di un dibattito programmato per martedì prossimo.

“La bozza di testo è completamente estranea a ciò che abbiamo appreso nel corso degli ultimi anni e a ciò di cui abbiamo bisogno in termini di una solida riforma dell'Eurozona. Invece di un FME come istituzione dell'Unione, la risoluzione prevede un assetto puramente intergovernativo in cui né il Parlamento europeo né la Commissione hanno un ruolo. La crisi dell'euro ha mostrato, tuttavia, che questo modello di processo decisionale manca di legittimità, è inefficace ed è quindi inadatto al lavoro che deve svolgere un'Unione economica e monetaria ben funzionante e a prova di crisi. È difficile immaginare quanto bigotti siano i falchi del gruppo CDU/CSU per non vedere l'urgente necessità di imparare dagli errori del passato.

“Riformare la zona euro è una priorità chiave nell'accordo di coalizione tedesco. Le proposte di Brinkhaus contraddicono lo spirito di questi impegni e, in confronto, renderebbero persino progressista il dogmatismo dell'era Schäuble. Noi Socialisti e Democratici al Parlamento europeo continueremo a lottare per un FME adeguato gestito nel quadro del metodo comunitario”.