Pubblicato:
Condividi:

Oggi, i Socialisti e Democratici hanno accolto con favore la sentenza del Tribunale che ha stabilito che la Commissione europea ha superato i suoi poteri consentendo emissioni di NOX molto più elevate. La Commissione ha indebolito i limiti di emissione passando dalla porta posteriore, concedendo all'industria automobilistica margini di deviazione molto ampi rispetto ai limiti legali stabiliti dal nuovo Regolamento per i test sulle emissioni in condizioni di guida reali. Con questa sentenza, il Tribunale conferma le azioni promosse dalle città di Parigi, Bruxelles e Madrid contro la Commissione.


La vicepresidente S&D per la sostenibilità Kathleen Van Brempt, che era anche presidente della commissione d'inchiesta del Parlamento europeo sulle misurazioni delle emissioni nel settore automobilistico (EMIS), dichiara:


“La Commissione e i rappresentanti degli Stati membri nel comitato tecnico responsabile hanno messo a rischio la salute dei cittadini solo per dare all'industria automobilistica una maggiore flessibilità nell'adeguarsi alla legislazione Ue adottata. Questo non è accettabile. Abbiamo bisogno che l'Unione europea protegga i cittadini dell'Ue, non che dia protezione normativa all'inquinamento atmosferico. La sentenza odierna del Tribunale è una vittoria agrodolce. Conferma che abbiamo avuto ragione fin dall'inizio nel nostro tentativo di porre il veto al regolamento durante il periodo di controllo giuridico, ma ormai è tardi.


“Non c'è tempo per annullare l'errore del regolamento attuale, ma ci aspettiamo che questa sentenza del Tribunale cambi l'atteggiamento della Commissione e degli Stati membri. Dovrebbe costringerli a rivedere il regolamento di attuazione in modo da rispettare appieno le norme sulle emissioni legali per le automobili adottate nel 2007. È tempo di fermare queste concessioni a vantaggio dell'industria e iniziare a preoccuparsi delle persone comuni e delle loro vite. Speriamo che la Commissione eserciti le sue funzioni e verifichi il rispetto di ciò che il Parlamento ha adottato.


“L'industria deve smettere di barare, e concentrarsi sulla produzione di auto conformi alla legislazione. La tecnologia lo consente e sappiamo che i produttori di automobili in Europa hanno già le capacità”.


Nota per la stampa:


Il gruppo S&D al Parlamento europeo ha sempre sostenuto che i grandi “fattori di conformità” introdotti si traducono di fatto in una deroga ai limiti di emissione applicabili che erano già stati approvati dal Parlamento e dagli Stati membri nel 2007 per proteggere la salute dei cittadini e assicurare l'aria pulita nelle nostre città. Tali limiti di emissione vincolanti non possono essere modificati da un comitato tecnico. Per questo motivo, il gruppo S&D ha cercato di porre il veto al regolamento ora annullato. Ma a causa della forte opposizione dei partiti di destra, non siamo riusciti ad ottenere la maggioranza qualificata necessaria durante il voto in plenaria del febbraio 2016.

Eurodeputati coinvolti

VAN BREMPT Kathleen

Head of delegation
Coordinatore
Belgio

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D: “La relazione consuntiva della Commissione sul Dieselgate mostra la mancanza di azione da parte degli Stati membri”

Comunicati stampa

Il Parlamento chiede una riduzione del 40% delle emissioni di Co2 delle automobili entro il 2030

Comunicati stampa

S&D: obiettivi nazionali vincolanti per l’infrastruttura dei combustibili alternativi