Condividi:
In seguito all'accordo sottoscritto tra il Parlamento europeo e il Consiglio al termine dei negoziati interistituzionali sull’abolizione delle pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare, i relatori S&D Paolo De Castro, a capo della delegazione negoziale del Parlamento, e Marc Tarabella dichiarano in un nota congiunta:

“Avevamo promesso di sradicare, una volta per tutte, le pratiche commerciali sleali più atroci nella catena di approvvigionamento agroalimentare attraverso l'aumento della trasparenza e della competitività equa.
Lo abbiamo fatto!

“Avevamo promesso di armare le mani degli agricoltori e dei consumatori contro le multinazionali, il ricatto e il bullismo.
Fatto!

“Avevamo promesso di garantire la salute dei cittadini, difendere l'ambiente e ridurre lo spreco alimentare.
Fatto!
Lo abbiamo fatto!

“Dopo oltre 10 anni di labirinti legislativi per via di 20 diverse normative nazionali, finalmente il Parlamento europeo, sotto la spinta decisiva del gruppo S&D, ha raggiunto un accordo con il Consiglio al termine della procedura di trilogo.
“Per la prima volta in Europa non tollereremo più pratiche sleali come i ritardi nei pagamenti o le cancellazioni degli ordini all'ultimo minuto per i prodotti deperibili. Le ‘magiche’ moltiplicazioni dei prezzi dal campo alla tavola stanno per finire.

“L'abbiamo fatto. E il motivo per cui lo abbiamo fatto è quello di soddisfare le aspettative giustificate dei nostri cittadini e produttori.

“A partire da ora, l'Europa è un posto migliore per tutti noi, i consumatori e gli agricoltori”.
 

Eurodeputati coinvolti

DE CASTRO Paolo

DE CASTRO Paolo

Coordinatore
Italia
TARABELLA Marc

TARABELLA Marc

Membro
Belgio

Contatti stampa S&D

 BERNAS, Jan

BERNAS, Jan

Political Advisor
Italia

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D: l’orgoglio di aver condotto il Parlamento a sostenere l’Unione sanitaria europea

Comunicati stampa

S&D chiede migliori soluzioni di stoccaggio e linee guida stringenti per i progetti energetici europei

Comunicati stampa

S&D propone un’industria del futuro verde, sostenibile e sociale