Pubblicato:
Condividi:

Nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, i Socialisti e Democratici chiedono agli stati membri dell’Unione di dimostrare coi fatti, e non solo a parole, che sono dalla parte delle donne. Le donne sono le prime vittime di violenza sessuale e domestica; una su tre in Europa è stata vittima di violenza fisica e/o sessuale, ma solo l’11% dei casi è stato denunciato.

Maria Noichl, coordinatrice S&D in commissione per i diritti delle donne e la parità di genere, ha dichiarato:

“Oggi, nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ricordiamo coloro che sono state assassinate dai propri partner, ex partner o altri membri della propria famiglia: uccise con armi da fuoco, accoltellate, strangolate, investite, defenestrate, bruciate. Ad oggi, novembre 2019, 134 donne sono state assassinate in Francia. I dati ci dicono che in Germania, ogni tre giorni una donna viene uccisa dal proprio ex partner. Da quando nel 2003 la Spagna ha iniziato a raccogliere rilevazioni ufficiali, si contano più di mille donne uccise per violenza sessuale. Questa è solo la punta dell’iceberg, in quanto l’omicidio rappresenta solo l’atto culminante di un percorso di violenza che è ha avuto inizio molto prima.

“Solo se applicheremo una politica di tolleranza zero per queste forme di violenza, potremo prevenirle e proteggere le donne. È urgente adottare una Strategia per prevenire e contrastare la violenza contro le donne, e inserirla nel catalogo dei crimini gravi contemplati dai Trattati, con una dimensione transnazionale. Questa è la premessa legale indispensabile per impostare una Direttiva europea sulla prevenzione e la lotta alla violenza di genere, che ci permetta di definire la responsabilità degli stati membri e chiedergliene conto. Le donne devono sentirsi protette allo stesso modo in tutta Europa”.

Sylwia Spurek, eurodeputata S&D e correlatrice del Parlamento europeo sulla Convenzione di Istanbul, ha aggiunto:

“È tempo che l’Ue ratifichi la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica. Le donne sono le prime vittime di violenza sessuale e domestica. Ciò nonostante, spesso le loro testimonianze sono contestate o restano lettera morta, non ricevono aiuto adeguato e le azioni dei loro aguzzini sono sottovalutate se non persino giustificate. Dobbiamo dire forte e chiaro che siamo dalla parte delle donne, e dimostrare la nostra convinzione che la colpa sia sempre dell’aguzzino, e mai della vittima.

“La ratifica della Convenzione di Istanbul è un nostro dovere e una responsabilità, ma perché sia adottata dall’Unione europea, tutti gli stati membri devono farla propria. Ecco perché chiediamo a tutti i Paesi che ancora non lo avessero fatto, di ratificare immediatamente la Convenzione di Istanbul. Le donne non possono più aspettare”.

Nota agli editori:

Su iniziativa dei Socialisti e Democratici, nella tarda giornata di oggi il Parlamento terrà un dibattito durante il quale chiederemo che:

*gli stati membri e l’Unione europea nella sua totalità, ratifichino e implementino la Convenzione di Istanbul come strumento legale per prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica;

*il Consiglio riconosca la violenza contro le donne come reato fra quelli contemplati dai Trattati all’Articolo 83 del TFUE;

*la Commissione europea avanzi una proposta di Strategia Ue di prevenzione e contrasto della violenza di genere, che comprenda anche una misura pensata per le molestie e le violenze online;

*gli stati membri forniscano all’Eurostat dati accurati e confrontabili per lo sviluppo di politiche efficaci e l’organizzazione d’iniziative di sensibilizzazione.

 

Eurodeputati coinvolti

NOICHL Maria

Coordinatore
Germania

SPUREK Sylwia

Membro
Polonia

Contatti stampa S&D

CZERNY-GRIMM Inga

Press Officer
Polonia

Notizie correlate

Comunicati stampa

Non c’è posto per l’omofobia in Europa. S&D chiede una strategia Ue contro le discriminazioni per motivi di orientamento sessuale

Comunicati stampa

Iratxe García: “Il nostro voto sostiene la nuova Commissione, ma saremo partner tanto leali quanto vigili ed esigenti”

Comunicati stampa

Educazione non significa sessualizzazione. Le autorità polacche riconsiderino la proposta di legge sul bando dell’educazione sessuale