Condividi:

I Socialisti e Democratici al Parlamento europeo sono in prima linea nella lotta per la transizione verso un'economia circolare, in cui tutti i prodotti siano progettati per essere riciclati, riutilizzati o rigenerati. L'eurodeputata S&D Simona Bonafè è stata l'autrice di quattro relazioni parlamentari per un'economia circolare e ha invitato la Commissione a presentare una strategia specifica per eliminare gradualmente i rifiuti di plastica. Domani, la plenaria del Parlamento europeo voterà su questa nuova strategia.

L'eurodeputata S&D Simona Bonafè dichiara:

“Approviamo pienamente l'obiettivo della Commissione di rendere riutilizzabile e riciclabile tutto il materiale plastico entro il 2030. Questo è in linea con i risultati dell'accordo sul pacchetto rifiuti e anche con la transizione verso un'economia circolare.

“Dobbiamo cambiare il modo in cui le materie plastiche e i prodotti in plastica sono progettati, prodotti, usati e riciclati. Speriamo che la Commissione rispetti pienamente gli impegni presi. Speriamo anche in una rapida implementazione di misure per ridurre l'impatto della plastica monouso. Si tratta di una misura urgente in particolare per i nostri mari e oceani, invasi da 100.000 tonnellate di microplastiche galleggianti che mettono a rischio la salute di animali e persone”.

Kathleen Van Brempt, vicepresidente S&D per la sostenibilità, afferma:

“L'Ue è pioniere mondiale nell'adozione di una strategia per porre fine ai rifiuti di plastica, sia a terra che in mare. Noi Socialisti e Democratici non allenteremo la pressione sulla Commissione e il Consiglio finché non si arriverà a un accordo sulla direttiva sulle plastiche monouso prima della fine di questo mandato.

“Abbiamo anche bisogno di nuove politiche e misure per stimolare la domanda di materie plastiche secondarie al fine di garantire che le materie plastiche riciclabili siano effettivamente riciclate. Pertanto, abbiamo bisogno di introdurre standard minimi di contenuto riciclato per le materie plastiche riciclate nei nuovi prodotti che arrivano sul mercato europeo”.

Miriam Dalli, portavoce S&D per la salute e l'ambiente, aggiunge:

“Nonostante le nuove tecnologie e la rapida innovazione nel settore chimico, non stiamo ancora riducendo la nostra dipendenza dalle materie plastiche. Questa dipendenza significa più di 300 milioni di tonnellate di plastica che vengono prodotte in tutto il mondo, con milioni di tonnellate di rifiuti che finiscono nell'ambiente, e in modo critico nei nostri oceani.

“Non tutta la plastica è cattiva, ma dobbiamo cambiare il nostro approccio al consumo e allo scarto. Questa strategia dovrebbe stimolare modelli di business, produzione e consumo nuovi, intelligenti e circolari che coprano l'intera catena del valore. Prevenire la produzione di enormi quantità di rifiuti è possibile n primo luogo diminuendo il loro uso, aumentando il riciclaggio e producendo materiale riutilizzabile, e allo stesso tempo assicurando che tali rifiuti siano smaltiti in modo responsabile”.

Eurodeputati coinvolti

BONAFÈ Simona

BONAFÈ Simona

Vicepresidente
Italia
DALLI Miriam

DALLI Miriam

Head of delegation
Vicepresidente
Malta
VAN BREMPT Kathleen

VAN BREMPT Kathleen

Head of delegation
Coordinatore
Belgio

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D propone un’industria del futuro verde, sostenibile e sociale

Comunicati stampa

S&D: grande risultato nella lotta al cambiamento climatico. La commissione ambiente chiede l’inserimento del settore navale nel Sistema Ue di scambio delle emissioni

Comunicati stampa

S&D: il COVID-19 non può essere una scusa per indietreggiare sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Ue e ONU agiscano subito