Pubblicato:
Condividi:

I giovani sono stati colpiti duramente dalla crisi finanziaria del 2008 e soffrono ancora di alti tassi di disoccupazione o sono diventati lavoratori poveri. Il gruppo S&D si batte per dare ai giovani la possibilità di plasmare le politiche dell'Ue e garantire loro pari opportunità nel mercato del lavoro e posti di qualità a lungo termine.

Oggi, la commissione parlamentare Cultura e istruzione ha appoggiato la relazione per una Strategia dell'Ue per la gioventù (2018-2026) redatta dall'eurodeputata S&D Eider Gardiazabal.

 

Eider Gardiazabal dichiara:

“Tutti parlano dei giovani, ma raramente essi hanno la possibilità di partecipare al processo decisionale. Questo è qualcosa che vogliamo cambiare.

“L'attuale strategia giovanile (2010-2018) ha obiettivi molto generali ed è difficile capire la portata dei traguardi raggiunti. Tuttavia, una cosa è chiara: uno dei principali successi è stata la Garanzia per i giovani, che è stata proposta dal gruppo S&D. Fino a 1,6 milioni di giovani ne hanno beneficiato e adesso dobbiamo sfruttare questa esperienza.

“Oltre all'occupazione e all'istruzione, vogliamo un approccio globale: l'accesso alla cultura è un diritto fondamentale e vogliamo che tutti i giovani abbiano la possibilità di studiare e di usufruire di progetti di mobilità, nonostante le difficoltà socio-economiche. Vogliamo che ci sia massima attenzione per le persone con bisogni speciali e per le minoranze, perché questi soggetti hanno bisogno di maggiore sostegno. Inoltre, tutti i giovani dovrebbero facilmente avere accesso alla cultura, fondamentale tanto più in un momento in cui l'intolleranza è in crescita.

“Questo è un momento cruciale per garantire una solida strategia per la gioventù perché stiamo anche discutendo il bilancio pluriennale europeo dopo il 2020. Gli Stati membri mostreranno quali sono le loro priorità politiche, e speriamo sinceramente che i giovani siano al vertice elenco."

 

La portavoce S&D per l'educazione e la gioventù, l'eurodeputata Silvia Costa dichiara:

“I programmi europei per i giovani dovrebbero essere rafforzati, migliorati, promossi e ben finanziati con una visione a lungo termine e coordinata se vogliamo davvero realizzarli.

“Noi, nel gruppo S&D, chiediamo maggiori finanziamenti per il programma Erasmus+, per l'Iniziativa per l'occupazione giovanile (che è lo strumento finanziario dell'UE per l'attuazione dei regimi di garanzia per i giovani) e per il programma Europa per i cittadini. Inoltre, chiederemo nuovi fondi per il nuovo Servizio europeo di solidarietà e volontariato.

“Nell'Ue, fino a 25 milioni di bambini (oltre il 26,4% di tutti gli europei di età compresa tra 0 e 17 anni) sono a rischio di povertà in famiglie che non hanno sufficienti mezzi di sussistenza e servizi di base. Pertanto chiediamo alla Commissione di sviluppare una garanzia per l'infanzia come strumento di lungo termine per offrire pari opportunità a tutti i bambini nell'Ue”.

Eurodeputati coinvolti

GARDIAZABAL RUBIAL Eider
Coordinatore
Spagna

Contatti stampa S&D

President's spokesperson
MARTIN DE LA TORRE Victoria
Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García all’SPD a Berlino: “Contiamo su di voi per costruire un’Europa più sostenibile e progressista”

Comunicati stampa

Udo Bullmann leader S&D: “Nella giornata dei lavoratori rinnoviamo il nostro impegno per un’Europa progressista e più giusta per tutti”

Comunicati stampa

Protezione dei lavoratori vulnerabili: il Parlamento appoggia la proposta S&D per un giro di vite al precariato