Pubblicato:
Condividi:

Oggi, la Corte dei conti europea (ECA) ha presentato la relazione annuale per il 2018 al Parlamento europeo.

Nonostante la relazione dell’ECA dimostri che la gestione delle finanze Ue sia in costante miglioramento, il Gruppo S&D ha espresso preoccupazione in merito ad ambiti di spesa ad alto rischio e ancora molto sfidanti. I membri del Parlamento europeo chiedono maggiori tassi di assorbimento e migliori prestazioni sulle risorse di bilancio Ue, per ottenere miglior valore aggiunto. Si devono compiere anche sforzi di semplificazione per ridurre il rischio d’errore.

La Commissione europea e i singoli stati membri devono continuare a lavorare per raggiungere quest’obiettivo.

Claudiu Manda, portavoce del Gruppo S&D in materia di controllo di bilancio, ha dichiarato:

“Consideriamo positivamente la relazione annuale della Corte dei conti europea, in quanto rappresenta uno strumento cruciale per capire dove l’Unione e le sue istituzioni siano all’altezza delle proprie missioni e funzionino in modo corretto, e dove invece c’è ancora da lavorare.

“Ci conforta la conclusione della Corte con la quale si stabilisce che i conti dell’Unione presentano un’istantanea reale ed equilibrata della posizione finanziaria dell’Unione europea e che il differenziale delle transazioni finanziarie nel corso dell’anno è in linea con la legislazione esistente.

“Per la terza volta di fila, la Corte ha espresso un’opinione qualificata sui pagamenti che conferma i miglioramenti nella gestione del bilancio”.

Tsvetelina Penkova, negoziatrice S&D sulla relazione dell’ECA, ha poi aggiunto:

“È positivo che il tasso d’errore nei campi della competitività, della crescita e dell’occupazione sia in discesa e che non vi siano aumenti del tasso d’errore per le risorse naturali. Tuttavia, dobbiamo fare attenzione ad alcune aree di spesa ad alto rischio, come la coesione e lo sviluppo rurale. Le complesse norme che le governano e i criteri di eleggibilità spesso portano a degli errori nella gestione dei fondi. Chiediamo e invitiamo la Commissione e gli stati membri a lavorare più intensamente per superare i problemi esistenti.  Salutiamo positivamente anche il progetto pilota dell’ECA e la Commissione europea per una maggior collaborazione tra l’ECA e gli stati membri in materia di revisione dei conti.

“Una parte importante della relazione annuale dell’ECA riguarda le spese amministrative delle istituzioni e degli organismi europei. Per il futuro, auspicheremmo che la Corte abbia uno sguardo più attento verso le transazioni fra le istituzioni: sarebbe di grande importanza per il nostro lavoro di discarico”.

Eurodeputati coinvolti

MANDA Claudiu

Coordinatore
Romania

PENKOVA Tsvetelina

Membro
Bulgaria

Contatti stampa S&D

CHIRU Dana

Press Officer
Romania