Condividi:

I Socialisti e Democratici si sono impegnati a eliminare gradualmente i combustibili fossili e a trasformare il panorama europeo dei trasporti per renderlo sostenibile per la salute delle persone, per la salute del Pianeta e di tutti i suoi abitanti.

Attualmente il 94% del settore dei trasporti in Europa dipende dal petrolio, il 90% del quale deve essere importato. Allo stesso tempo, il trasporto è l'unico grande settore economico nell'Ue in cui le emissioni di gas serra sono aumentate dal 1990, indebolendo così i nostri sforzi per raggiungere gli obiettivi climatici delle Nazioni Unite concordati a Parigi.

Oggi, la commissione parlamentare Trasporti ha appoggiato la proposta dell'eurodeputato S&D Ismail Ertug di introdurre obiettivi nazionali vincolanti nella Direttiva, già in vigore, sullo sviluppo dell'infrastruttura per i combustibili alternativi. Sfortunatamente, gli obiettivi vincolanti per ogni Stato membro, che erano stati previsti nella proposta della Commissione europea, sono stati cancellati quando la Direttiva è stata approvata nel 2014. Ora la valutazione dei Piani Nazionali (NFP) mostra il divario tra gli Stati membri e quanto indicato negli NFP.

Ismail Ertug, portavoce S&D e autore del rapporto parlamentare, dichiara:

"Il risultato di oggi è un segnale forte che faciliterà l'adozione di veicoli a basse e a zero emissioni e quindi l'obiettivo generale della decarbonizzazione. Esortiamo la Commissione ad accelerare la revisione della Direttiva, a proporre forti obiettivi infrastrutturali e, soprattutto, maggiori finanziamenti per le infrastrutture per i combustibili alternativi. Abbiamo già perso tempo prezioso a causa della Commissione e dell'inerzia degli Stati membri, mz non è ancora troppo tardi.

“Sono felice che la commissione Trasporti abbia seguito la mia raccomandazione invitando la Commissione a raggiungere obiettivi più severi e finanziamenti pubblici sufficienti. Inoltre, sosteniamo con forza la necessità che le aree rurali dispongano di infrastrutture sufficienti, poiché non dovrebbe esserci nessuna regione europea in ritardo nella transizione verso una mobilità a basse emissioni.

“Su circa 800.000 punti di ricarica previsti per il 2025, ne sono già installati solo più di 100.000. Per il gas naturale compresso (GNC), oltre due terzi delle stazioni di rifornimento devono ancora essere costruiti. Per l'idrogeno, che non è obbligatorio ai sensi della direttiva, la situazione è ancora peggiore.

“Poiché esistono diverse modalità, diversi tipi e ambienti di trasporto che hanno i loro requisiti specifici per quanto riguarda i carburanti e le tecnologie di trasmissione, un mix di combustibili alternativi è l'approccio più promettente a medio termine. L'elettrificazione, ad esempio, potrebbe essere la tecnologia più appropriata per decarbonizzare il traffico automobilistico, mentre per altri tipi di traffico, come il trasporto pesante a lunga distanza, saranno necessari combustibili decarbonizzati e a basse emissioni di carbonio. Quindi deve essere garantita anche la loro disponibilità”.

Eurodeputati coinvolti

ERTUG Ismail

ERTUG Ismail

Vicepresidente
Germania

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Cruciale il contributo S&D sull’accordo in commissione ambiente sulle emissioni di guida reali: la salute prima di tutto

Comunicati stampa

S&D: l’orgoglio di aver condotto il Parlamento a sostenere l’Unione sanitaria europea

Comunicati stampa

S&D chiede migliori soluzioni di stoccaggio e linee guida stringenti per i progetti energetici europei