Pubblicato:
Condividi:

Quest’anno la Giornata della Memoria dell’Olocausto coincide con il 75° anniversario della liberazione di Auschwitz-Birkenau, uno dei campi di concentramento nazisti. Mercoledì i Socialisti e Democratici parteciperanno a una cerimonia di commemorazione organizzata dal Parlamento europeo per celebrare l’anniversario e rendere omaggio alle vittime del nazismo.

La leader del Gruppo S&D, Iratxe García Pérez, ha dichiarato:

“Nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau si sono consumati i più atroci crimini della storia dell’umanità. Il progetto di sterminio degli ebrei in Europa ha tolto la vita a sei milioni di uomini, donne e bambini ebrei, e a un imprecisato numero di vittime tra oppositori politici, Rom, omosessuali e persone portatrici di handicap.

“Non dobbiamo mai dimenticare quelle vittime, perché il loro sacrificio è lì a ricordarci che l’Europa, dopo la Seconda Guerra Mondiale, si è fondata sull’universalità e l’inviolabilità dei diritti dell’uomo; abbiamo un debito impagabile nei  loro confronti. Ciò che però possiamo e abbiamo la responsabilità di fare è costruire una società libera da intolleranza e discriminazioni di matrice etnica, religiosa, sessuale o di qualsiasi altra natura.

“Purtroppo l’antisemitismo, la xenofobia, l’islamofobia e la retorica d’estrema destra hanno trovato nuovo vigore in Europa. Per questa ragione, ricordare e interrogarsi sull’Olocausto e la propaganda antisemita che ne fu alla base negli anni Trenta del secolo scorso, deve scuotere le coscienze e metterci al riparo da nuove forme di odio e discriminazione”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Il PiS gioca col fuoco spingendo per elezioni presidenziali a maggio in Polonia

Comunicati stampa

Iratxe García: “L’Ungheria sta diventando la prima dittatura in Europa. Commissione e Consiglio agiscano subito”

Comunicati stampa

Il coronavirus non può fungere da pretesto per il blocco della democrazia