Condividi:

Gli eurodeputati S&D oggi hanno accolto positivamente la sentenza della Corte di Giustizia europea con la quale si conferma che i consumatori possano avviare un ricorso contro i produttori nel luogo in cui il prodotto difettoso è stato acquistato. Nel caso contro la Volkswagen, la Corte ha stabilito che i gruppi di consumatori in Austria possano intraprendere azioni legali contro il produttore tedesco di automobili presso i tribunali austriaci, vale a dire nel Paese in cui i veicoli sono stati acquistati.

 

Il Gruppo S&D al Parlamento europeo si batte da anni per la definizione di regole che garantiscano la possibilità di ricorso collettivo in tutta Europa. In seguito ad un accordo raggiunto col Consiglio nel mese di giugno, la legislazione sarà portata a termine alla fine del 2020, per una miglior tutela dei diritti dei consumatori.

 

Tiemo Wölken, portavoce S&D in materia di affari legali, ha dichiarato:

 

“La sentenza emessa oggi dalla Corte di Giustizia europea rappresenta un’altra vittoria per i consumatori e la difesa dei loro diritti in Europa, a seguito dello scandalo Dieselgate. Solo poche settimane fa, gli europarlamentari e gli stati membri sono giunti a un accordo lungamente atteso e necessario, su un pacchetto di norme valide in Europa per i ricorsi collettivi, che permetterà ai consumatori di unire le proprie forze a livello europeo e intraprendere azioni transnazionali. Il Gruppo S&D ha sostenuto fortemente e valorizzato le proposte Ue che danno la possibilità ai consumatori europei di intraprendere iniziative legali collettive nei confronti delle grandi società. Ora il terreno per l’entrata in vigore di queste norme è pronto, e presto i consumatori avranno a disposizione persino maggiori strumenti per accedere alla giustizia”.

 

Lara Wolters, eurodeputata S&D responsabile per i ricorsi collettivi, ha aggiunto:

 

“Grazie al sistema nazionale di ricorsi collettivi in Austria, un gruppo di consumatori che rappresenta i consumatori che sono stati aggirati da una grande multinazionale in un altro Paese dell’Ue, sono riusciti a sottoporre le proprie istanze alla valutazione della Corte di Giustizia europea.  La Corte oggi ha emesso un parere giusto che non solo mette in luce i vantaggi dei ricorsi collettivi, ma anche l’urgenza di consentire l’accesso alla giustizia attraverso i ricorsi, in tutta Europa. Il Gruppo S&D si è battuto per garantire che a breve, a prescindere dal luogo dell’Ue in cui vivono e da dove hanno acquistato il prodotto difettoso, i consumatori siano nella posizione di unire i propri sforzi e intraprendere inziative legali collettive”.

 

Eurodeputati coinvolti

WÖLKEN Tiemo

WÖLKEN Tiemo

Coordinatore
Germania
WOLTERS Lara

WOLTERS Lara

Membro
Paesi Bassi

Contatti stampa S&D

Macphee Ewan

MACPHEE Ewan

Press Officer
Regno Unito

Notizie correlate

Comunicati stampa

Senza regole Ue anti riciclaggio efficaci i criminali si riempiono le tasche

Comunicati stampa

Tempi strettissimi nei negoziati dipendono dalle scelte del Regno Unito, ma noi rimaniamo saldi sulle nostre posizioni

Comunicati stampa

Caotica e discriminatoria la gestione dei confini durante il COVID-19