Pubblicato:
Condividi:

In merito alla rapida evoluzione della crisi nel Mar d'Azov, braccio strategico del Mar Nero di cui la Russia e l'Ucraina condividono la costa, il gruppo S&D esprime condanna per lo scontro marittimo tra i due Paesi, invita alla moderazione e chiede all’Alto rappresentante Mogherini di mediare tra Mosca e Kiev per trovare una soluzione pacifica.

Già in ottobre, il Parlamento europeo aveva chiaramente affermato, nella risoluzione adottata con il sostegno del gruppo S&D, che la costruzione del ponte di Kerch nella penisola di Crimea occupata illegalmente dalla Federazione russa senza il consenso dell'Ucraina è inaccettabile e mette a rischio la sicurezza dell'intera regione.

Il vicepresidente S&D per gli affari esteri Victor Boştinaru dichiara:

“Condanniamo fermamente gli ultimi sviluppi bellici nello stretto di Kerch e nel Mar d'Azov, la Russia continua a violare apertamente il diritto internazionale e mette a rischio la sicurezza e la stabilità dell'Ucraina e della regione in generale. Questo è inaccettabile e rappresenta l’ennesimo atto di offesa da parte della Russia contro la sovranità, la sicurezza e l'integrità territoriale dell'Ucraina.

“Chiediamo moderazione da entrambe le parti, e in particolare alla Russia affinché liberi le navi sequestrate e i militari ucraini detenuti, rispetti la legge internazionale, plachi le tensioni e garantisca una navigazione libera e sicura attraverso lo stretto di Kerch e il Mare di Azov . Sosteniamo l'Ucraina in questo momento molto difficile, e ribadiamo il nostro impegno per la sua integrità territoriale e la sua sovranità”.

Il portavoce per gli affari esteri di S&D, Knut Fleckenstein aggiunge:

“La nostra posizione fondamentale è chiara: la Russia non può chiudere unilateralmente lo Stretto di Kerch. Lo Stretto deve essere tenuto aperto alla navigazione, anche per le navi provenienti dall'Ue. Entrambe le parti devono rispettare le regole. Le vittime di un blocco o di un'ulteriore escalation saranno il popolo ucraino e quello russo.

“Non possiamo sottovalutare la situazione, occorre fare tutto il possibile per evitare qualsiasi tipo di conflitto militare, motivo per cui è importante che il Consiglio di sicurezza dell'Onu discuta oggi di questa questione. Esortiamo tutte le parti a proseguire il dialogo e ad allentare la situazione Incolpare l'altro non porterà a una soluzione e quindi i colloqui devono essere separati da quelli sullo status della Crimea.

“L'alto rappresentante Mogherini dovrebbe mediare tra Kiev e Mosca per allentare la situazione, ma l'Ue può offrire il suo aiuto solo se entrambe le parti concordano su tale mediazione e su colloqui costruttivi”.

Contatti stampa S&D

CZERNY-GRIMM Inga
Press Officer
Polonia

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D si oppone all’inaccettabile condanna a nove anni nei confronti di Kaftancioglu, la leader dell’opposizione in Turchia

Comunicati stampa

S&D: antidemocratica la decisione delle autorità turche di rimuovere i sindaci di Diyarbakir, Mardin e Van

Comunicati stampa

Inaccettabile la separazione delle famiglie di migranti: gli USA smettano di trattare i richiedenti asilo, bambini compresi, come criminali