Pubblicato:
Condividi:

Oggi la commissione parlamentare Industria, ricerca ed energia ha sostenuto la relazione redatta dal deputato S&D Flavio Zanonato sulla preparazione al rischio nel settore elettrico.

Attualmente, gli Stati membri hanno modalità d’azione diverse quando si tratta di prevenire, preparare e gestire situazioni di crisi. Le regole e le pratiche nazionali tendono a ignorare la realtà interconnessa del mercato dell'elettricità di oggi. Questo è il motivo per cui i Socialisti e Democratici sostengono la proposta della Commissione volta a rafforzare la solidarietà e garantire l'interoperabilità nelle risposte a qualsiasi crisi.


L’eurodeputato Flavio Zanonato afferma:

“Anche laddove i mercati e i sistemi funzionano bene, una crisi elettrica può iniziare per una serie di ragioni diverse come condizioni meteorologiche estreme, attacchi informatici o anche solo la carenza di combustibili.

“Inoltre, quando si verificano situazioni di crisi, spesso queste hanno un effetto transfrontaliero perché il sistema elettrico è già integrato. Pertanto, circostanze come un periodo prolungato di freddo o un'ondata di caldo potrebbero interessare diversi Stati membri, e persino gli incidenti che avvengono a livello locale potrebbero diffondersi rapidamente oltre i confini. Ecco perché dobbiamo essere pronti e colmare il vuoto normativo che abbiamo oggi.

“Sostengo fortemente il principio dell’obbligo di solidarietà e cooperazione tra gli Stati membri in tempi di crisi elettrica. A tal fine, promuoviamo norme comuni sulla prevenzione delle crisi e strumenti per garantire la cooperazione transfrontaliera, nonché la gestione delle situazioni di crisi elettrica. Per quanto riguarda la sicurezza degli indicatori delle forniture e le valutazioni del rischio, gli Stati membri manterranno la possibilità di sviluppare le proprie valutazioni del rischio. Tuttavia, queste vanno fatte secondo una metodologia omogenea. I piani di valutazione dei rischi nazionali e regionali, infatti, devono essere interoperabili per essere efficaci in qualsiasi condizione di crisi”.


Il portavoce S&D su industria, energia e ricerca, Dan Nica aggiunge:

“L'Ue è nata come reazione a un fatto: siamo tutti interdipendenti e possiamo risolvere meglio i nostri problemi insieme. E questo è particolarmente vero quando si tratta di energia, un settore cruciale per l'economia e per il benessere dei nostri cittadini.

“Già nel gennaio del 2017 abbiamo visto come la mancanza di preparazione al rischio dell'Ue abbia avuto effetti disastrosi quando una crisi elettrica ha colpito Bulgaria, Grecia e Romania. Ha colpito l'economia, messo in pericolo la sicurezza pubblica e danneggiato i consumatori esposti a un aumento dei prezzi. Mette anche alla prova la solidarietà tra gli Stati membri dell’Ue

“Dovremmo essere preparati meglio se un evento del genere dovesse verificarsi di nuovo. L’Ue può contribuire fornendo un quadro ambizioso per l'identificazione, la valutazione, la preparazione, la gestione, il monitoraggio e la condivisione di informazioni sulle crisi elettriche”.

Eurodeputati coinvolti

NICA Dan

Head of delegation
Coordinatore
Romania

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García: “Per garantire una giusta transizione abbiamo bisogno di soldi freschi e misure sociali”

Comunicati stampa

S&D: niente api, niente cibo, nessuna vita. La commissione intraprenda azioni immediate per ridurre l’suo di pesticidi e salvare gli impollinatori

Comunicati stampa

S&D nell’ambito dell’accordo sulla tassonomia: i soldi al servizio dei cittadini e del pianeta