Condividi:

Oggi, il gruppo S&D ha chiesto un'indagine approfondita da parte delle autorità di vigilanza europee sugli schemi di scambio di dividendi come "Cum-Ex" o "cum-cum" e il loro impatto sull'integrità dei mercati finanziari. La richiesta è arrivata durante una votazione in plenaria sullo scandalo CumEx. Gli eurodeputati S&D hanno condannato la frode fiscale e il furto di denaro dei contribuenti e hanno esortato gli Stati membri a consegnare alla giustizia i responsabili di questa enorme truffa, a migliorare la legislazione fiscale nazionale, lo scambio di informazioni e l'applicazione della normativa fiscale e finanziaria in Europa.

Lo scandalo CumEx è stato portato alla luce il 18 ottobre da 19 organi di informazione europei, che hanno rivelato che un gruppo organizzato di banchieri aveva rubato oltre 55 miliardi di euro dalle casse pubbliche di diversi Stati membri negli ultimi 15 anni attraverso i cosiddetti accordi Cum-Ex. È stato rivelato che banchieri, avvocati e altri intermediari negoziavano azioni e ricevevano rimborsi fiscali per imposte che non erano mai state pagate.

Commentando la risoluzione sullo scandalo CumEx, il vicepresidente e correlatore del gruppo S&D nella commissione speciale sulla tassazione Jeppe Kofod, l’eurodeputato del gruppo S&D nella commissione speciale in materia fiscale Peter Simon, la deputata europea e portavoce del gruppo S&D sugli affari economici e monetari Pervenche Berès dichiarano:

“Il tempo delle parole è finito. Ora è il momento delle azioni! L'Europa non può permettersi un altro scandalo fiscale e un altro furto di denaro a danno dei contribuenti europei. Abbiamo bisogno di azioni concrete per combattere la frode fiscale e il riciclaggio di denaro sporco in Europa!

“Oggi, noi socialisti e democratici abbiamo chiesto indagini nazionali ed europee sulle istituzioni finanziarie e sugli intermediari coinvolti nello scandalo CumEx e una migliore applicazione della regolamentazione finanziaria. I responsabili del più grande furto del secolo devono essere assicurati alla giustizia.

“Allo stesso modo, dobbiamo affrontare le cause alla radice di questo furto. La mancanza di una cooperazione sincera ed efficace tra le autorità degli Stati membri, sistemi di scambio di informazioni che hanno dimostrato i loro limiti, norme nazionali divergenti e scappatoie Ue: tutti questi fattori, combinati tra loro, consentono frodi fiscali e riciclaggio di denaro.

“Il furto fiscale è un crimine contro la società con conseguenze dannose per i cittadini europei. Oltre 55 miliardi di euro sono stati persi non solo dalle casse pubbliche dell'Ue ma anche, e soprattutto, dai nostri sistemi di welfare. L'Europa non può più tollerare questo.

“Per evitare di ripetere lo scandalo CumEX, abbiamo bisogno di maggiore trasparenza, maggiore vigilanza sui mercati finanziari e un'azione coordinata a livello europeo. A tal fine, invitiamo gli Stati membri a nominare Punti di contatto singoli (SPoC) per facilitare lo scambio di informazioni accelerando le indagini e il contrasto. Oltre a ciò, è necessaria una riforma del regime fiscale dei dividendi per prevenire le richieste illegali di rimborsi fiscali.

“Infine, ribadiamo la nostra richiesta di un'unità di intelligence finanziaria dell'Ue e di un centro di coerenza e coordinamento della politica fiscale dell'Ue. Tale meccanismo garantirebbe che in caso di sospetto di frode internazionale tutti gli Stati membri saranno allertati e che inizi un'indagine coordinata e internazionale in tempi immediati”.

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García, leader S&D: “Un’altra Europa è possibile, se fondata sul rispetto dei valori Ue”

Comunicati stampa

Iratxe Garcia: “Il Consiglio europeo ha raggiunto un accordo storico per il Fondo per la ripresa, ma il Parlamento dirà la sua sul bilancio Ue”

Comunicati stampa

S&D: la sentenza di oggi della Corte Ue sul caso Apple dimostra l’urgenza di una reale giustizia fiscale