Condividi:

Una stragrande maggioranza in commissione parlamentare Mercato interno, guidata dal gruppo S&D, ha ottenuto oggi l’ok a un testo volto a garantire che non vi siano doppi standard nella qualità del cibo e di altri prodotti di consumo tra gli Stati membri dell'Europa occidentale e orientale. Gli eurodeputati S&D hanno denunciato la vendita di prodotti apparentemente identici ma che in realtà in alcuni paesi sono di più bassa qualità rispetto a quelli venduti altrove in Europa, un comportamento ingiusto e pericoloso. I parlamentari si sono impegnati a trovare soluzioni per fare in modo che i consumatori europei siano trattati in modo uguale indipendentemente dal loro paese di residenza. Il Parlamento europeo voterà la relazione nella seduta plenaria di settembre.

La portavoce S&D sulla relazione sulla doppia qualità dei prodotti, Olga Sehnalová dichiara:

“La vendita di prodotti alimentari e prodotti di qualità inferiore in alcuni Stati membri, nonostante la confezione e il marchio siano apparentemente identici, è vergognosa. Questo comportamento non solo è ingiusto, ma compromette anche la fiducia dei cittadini nel corretto funzionamento del mercato interno dell'Ue. Tali pratiche sono pericolose e devono quindi essere bandite immediatamente! Non possiamo più accettare che alcuni consumatori europei siano trattati come inferiori rispetto ad altri.

“Va da sé che un prodotto con la stessa marca e la stessa confezione dovrebbe avere la stessa composizione in tutta l'Ue. Tuttavia, se un produttore desidera offrire prodotti personalizzati, i consumatori devono essere consapevoli di questo adeguamento per ogni singolo prodotto. La personalizzazione non può essere una scusa per prodotti di qualità inferiore. I consumatori europei hanno il diritto di sapere cosa stanno consumando loro e le loro famiglie.

“Il voto di oggi in commissione Mercato interno è una vittoria per noi Socialisti e Democratici. Dopo sette anni in cui abbiamo combattuto contro gli alimenti di doppia qualità, il Parlamento europeo riconosce finalmente che questo problema esiste nell'Ue. Ora è il momento di lavorare per trovare soluzioni europee efficaci. La revisione della direttiva sulle pratiche commerciali sleali (UCPD) sarebbe un primo passo. Più specificamente, la proposta di un New Deal per i consumatori è un buon punto di partenza, ma affinché funzioni in modo efficace è necessario apportare alcuni miglioramenti”.

L'eurodeputato Momchil Nekov, negoziatore S&D in commissione Agricoltura, afferma:

“La pratica del ‘un marchio, un prodotto, ma contenuti e composizione diversi’ deve essere fermata! Serve un’azione a livello Ue e subito. Dobbiamo assicurarci che non ci siano cittadini europei di seconda classe per quanto riguarda i prodotti alimentari. La stessa confezione deve contenere lo stesso prodotto se l'acquirente è a Sofia o Stoccolma”.

L'europarlamentare Biljana Borzan, negoziatrice S&D in commissione Salute, aggiunge:

“Gli studi hanno dimostrato che prodotti alimentari apparentemente identici possono essere di diversa qualità e meno sani in alcuni paesi. Questo è particolarmente preoccupante quando si tratta di consumatori vulnerabili come i bambini e le persone con problemi dietetici o di salute. La legislazione Ue esistente si è rivelata inadeguata per affrontare questo problema. Chiediamo la revisione della UCPD e la legislazione sull'etichettatura per fornire a tutti i consumatori europei prodotti della stessa qualità e informazioni chiare e facilmente accessibili”.

Eurodeputati coinvolti

BORZAN Biljana

BORZAN Biljana

Head of delegation
Vicepresidente
Croazia

Notizie correlate

Comunicati stampa

Cruciale il contributo S&D sull’accordo in commissione ambiente sulle emissioni di guida reali: la salute prima di tutto

Comunicati stampa

S&D: l’orgoglio di aver condotto il Parlamento a sostenere l’Unione sanitaria europea

Comunicati stampa

S&D chiede migliori soluzioni di stoccaggio e linee guida stringenti per i progetti energetici europei