Condividi:

In un intervento che ha preceduto la videoconferenza di oggi dei leader nazionali Ue, la presidente dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, Iratxe García, ha dichiarato:

“È difficile riuscire a comprendere come un leader possa agire contro la propria stessa gente. Nel momento in cui l’Europa affronta la peggior recessione dalla Seconda Guerra, e le cui conseguenze ci sono ancora in buona misura sconosciute, bloccare i fondi per superare la crisi è assolutamente irresponsabile.

“I governi d’Ungheria e Polonia, a cui ora si è aggiunto anche quello della Slovenia, potrebbero mettere in discussione il lavoro svolto dall’Ue negli ultimi mesi e recare danno a 445 milioni di europei che attendono e hanno bisogno che le misure del pacchetto per la ripresa siano implementate al più presto possibile. Ritrarre questo impasse come il risultato di una disputa tra la burocrazia di Bruxelles e i governi nazionali è demagogia allo stato puro, ed è scorretto. Noi delle istituzioni europee rappresentiamo i cittadini europei e abbiamo lavorato notte e giorno per proporre soluzioni alla crisi senza precedenti innescata dal COVID-19. E continueremo a lavorare e cercare le soluzioni migliori.

“Le vie legali che consentirebbero agli altri 25 stati di procedere senza Ungheria e Polonia ci sarebbero, ma credo che dovremmo evitarle. Si tradurrebbe solo in una punizione nei confronti dei cittadini ungheresi e polacchi, e favorirebbe l’affermazione di un’Europa a due velocità. Noi Socialisti e Democratici stiamo lavorando alla convergenza tra le regioni e gli stati, e non vogliamo abbandonare nessun Paese e nessun cittadino.

“Allo stesso modo, non accettiamo l’idea che ai cittadini di alcuni stati membri Ue non siano garantiti gli stessi diritti democratici e il rispetto dello Stato di Diritto garantiti a tutti gli altri. Non ammettiamo cittadini di prima e seconda classe quando si tratta di protezione dei diritti fondamentali, né alcuna forma di ricatto: i nostri valori non sono negoziabili.

“Ora è responsabilità dei leader conservatori del Consiglio Ue riuscire a persuadere e a far ragionare i governi sotto la loro ala in Ungheria, Polonia e Slovenia. La posta in gioco è troppo alta, anche per loro”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe
GARCÍA PÉREZ Iratxe
Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson
MARTIN DE LA TORRE Victoria
Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa
Fissato per la vigilia della plenaria il Primo caucus Progressista sul Futuro dell’Europa
Comunicati stampa
S&D sul conflitto d’interessi: “Il primo ministro ceco Babiš sta minando i valori Ue e ingannando i contribuenti europei”
Comunicati stampa
S&D: niente soldi Ue agli stati che non rispettino lo Stato di Diritto