Condividi:

Nel tardo pomeriggio di oggi a Robert Biedroń, eurodeputato (Polonia, S&D), presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con la Bielorussia, è stato negato l’accesso in Bielorussia all’aeroporto di Minsk. Secondo quanto gli è stato riferito rientrerebbe in una lista di persone indesiderate stilata dal Ministero degli Interni, e che sarebbe stato quindi messo sul primo aereo di rientro senza necessità di ulteriori spiegazioni. A Petras Auštrevičius, europarlamentare (Lituania, Renew), relatrice del Parlamento europeo sulla Bielorussia, è stato persino negato d'imbarcarsi sul volo per Minsk.

I due parlamentari europei intendevano visitare il Paese in seguito alle violente repressioni per mano delle autorità bielorusse delle proteste di massa innescate dai brogli elettorali emersi alle recenti elezioni presidenziali e alla stretta nei confronti di esponenti politici pro democrazia, attivisti e mezzi d'informazione.

Il commento dell'eurodeputato S&D Robert Biedroń, prima del volo di rientro: “In qualità di membri del Parlamento europeo e rappresentanti delle istituzioni europee non ci aspettavamo di ricevere un simile trattamento.

“L’azione del governo bielorusso punta a far sì che gli osservatori e i mezzi d’informazione indipendenti non abbiano la possibilità di acquisire informazioni e consapevolezza di prima mano sulla situazione nel Paese. Se, così come affermano, le elezioni si sono svolte in modo regolare e le notizie della dimensione e della gravità della repressione sono state costruite… cosa possono avere da nascondere o temere?”.

 

Eurodeputati coinvolti

BIEDROŃ Robert

BIEDROŃ Robert

Head of delegation
Membro
Polonia

Contatti stampa S&D

Pelz Silvia

PELZ Silvia

Press Officer
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa

Impossibile una cooperazione Ue con le autorità bielorusse se reprimono i propri cittadini

Comunicati stampa

S&D: la quarta “Settimana dell’Africa” per un nuovo partenariato sostenibile ed egualitario Ue-Africa, nonostante il COVID-19

Comunicati stampa

S&D saluta il Piano d’investimento per i Balcani Occidentali, ma avverte: niente scorciatoie su democrazia e Stato di Diritto