Pubblicato:
Condividi:

La presidente dei Socialisti e Democratici, Iratxe García, esprime la propria delusione al Consiglio europeo per la mancanza di ambizione e prospettiva europea nei negoziati sul bilancio pluriennale 2021-2027. I leader sembrano ossessionati dal risparmiare a livello nazionale, ma stanno perdendo di vista il progetto d’insieme. L’incapacità di trovare un punto d’incontro mette a repentaglio tanto i progetti già esistenti, quanto quelli futuri, ma rivela anche profonde differenze di prospettiva fra i diversi stati membri.

Lo stallo di oggi non fa ben sperare per i prossimi negoziati. Di certo mostra la mancanza di un approccio progressista da parte del Consiglio.

Il Parlamento europeo era pronto ad aprire i negoziati già nel novembre 2018. I gruppi politici dell’Assemblea non sono disposti ad accettare la proposta del Consiglio solo perché messi alle strette da questioni di tempo.

Iratxe García, leader del Gruppo S&D, ha dichiarato:

“Sono molto preoccupata di quanto ho visto del dibattito in Consiglio, e non sto parlando solamente delle percentuali del PIL: ciò che mi preoccupa maggiormente è la miopia, la mancanza di una visione europea, di fiducia nel nostro progetto comune e di ambizione nel portare avanti l’agenda.

“Si tratta di credere nell’idea che, agendo di concerto, possiamo raggiungere migliori risultati. Mi auguro che il Consiglio lo capisca. È fondamentale che alcuni stati membri escano da una logica che vede l’Ue da una parte e gli stati membri dall’altra: non c’è opposizione, gli stati membri sono il cuore di questo progetto comune, lo sono sempre stato.

“I Paesi che rientrano fra i contributori netti dell’Unione sono anche coloro che traggono maggior beneficio dal mercato unico. Il nostro processo d’integrazione crea nuove dinamiche economiche, ma devono essere sostenute e accompagnate da meccanismi solidaristici. Non si tratta di beneficienza, è un sistema che, o funziona ed è al servizio di tutti, o non funziona per nessuno.

“Non possiamo accettare la proposta del Consiglio, perché ci sarebbero alcuni Paesi che ne uscirebbero perdenti. Certo, noi vogliamo combattere i cambiamenti climatici e condurre una trasformazione digitale, ma non possiamo accettare che siano i più vulnerabili a farsi carico delle spese.

“Non vogliamo creare nuove disuguaglianze. Il bilancio Ue deve essere impiegato per creare nuove opportunità e ridurre le disuguaglianze esistenti.

“Siamo tutti d’accordo sull’agenda per il futuro, ma vogliamo garantire che, in questa transizione, nessuno sia lasciato indietro o ai margini. Non accetteremo programmi che mettano in discussione le opportunità create per i giovani, come i programmi per l’occupazione giovanile, la ricerca, l’Erasmus e la Garanzia del bambino”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

CHIRU Dana

Press Officer
Romania

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García chiede all’Eurogruppo di dimostrarsi all’altezza della portata storica degli eventi

Comunicati stampa

García e Stanishev: “L’Eurogruppo mostri determinazione per mettere al sicuro l’Eurozona da uno shock economico”

Comunicati stampa

Iratxe García: “Le misure temporanee di sostegno al lavoro siano la base di partenza per uno strumento permanente di garanzia contro la disoccupazione”