Pubblicato:
Condividi:

Oggi, la plenaria del Parlamento europeo ha appoggiato un rapporto ambizioso stilato dall'eurodeputata del gruppo S&D Miriam Dalli in cui si chiede un taglio del 40% delle emissioni di Co2 delle automobili e dei furgoni entro il 2030. L'obiettivo della relazione è garantire che l'Europa guidi la transizione mondiale verso auto a basse e a zero emissioni di carbonio, invece di importare nuove tecnologie.

Nonostante l'iniziale opposizione da parte della destra e le forti pressioni da parte delle case automobilistiche tradizionali, Miriam Dalli è riuscita a costruire una maggioranza parlamentare per innalzare il livello di ambizione dei target rispetto a quelli proposti dalla Commissione europea.

Miriam Dalli dichiara:

“Alcuni vedono lavoro e ambiente come opposti l’uno all’altro. Io invece li vedo come complementari: se non ci assicuriamo che l'Europa sia in grado di produrre auto pulite entro un ragionevole lasso di tempo, non mancheremo solo i nostri obiettivi sul cambiamento climatico di Parigi, ma l'industria automobilistica europea resterà indietro nel mercato globale e i posti di lavoro andranno persi.

“Il mio gruppo era pronto a votare per un obiettivo di riduzione del 45%, ma abbiamo accettato il 40% al fine di costruire una forte maggioranza parlamentare. Sarebbe stato irragionevole accettare di meno. Anche la valutazione d'impatto della Commissione afferma che un obiettivo del 40% creerà 69.000 posti di lavoro nel caso in cui dovessimo ancora importare batterie e 92.000 posti di lavoro se le batterie saranno prodotte nell'Ue. I consumatori saranno quelli che trarranno maggior beneficio dai loro veicoli più puliti.

“Tuttavia, si stima che nei prossimi 12 anni, circa 12.000 posti di lavoro nel settore automobilistico in tutta l'Ue potrebbero andare persi per via dell'obiettivo del 40% di Co2. Si tratterebbe dei lavoratori delle aziende fornitrici di ricambi che non saranno più necessari. Per questo, includiamo anche un fondo di transizione equo per quei lavoratori e le regioni che saranno interessate, qualcosa che la Commissione non ha nemmeno proposto”.

La vicepresidente S&D Kathleen Van Brempt dichiara:

“Questo è un ottimo risultato per iniziare i negoziati con il Consiglio. Allo stesso tempo è ambizioso e realistico. È inoltre incoraggiante che un numero crescente di Stati membri stia anche sostenendo un taglio delle emissioni del 40%.

“D'altra parte, la signora Merkel, che un tempo era conosciuta come la Cancelliera per il clima, sta lottando per salvare il motore a combustione tedesca, sostenendo che l'elettrificazione della flotta europea porterebbe a perdite di posti di lavoro. Ciò che realizzerà in realtà è creare posti di lavoro in Cina. Perché questa è la vera discussione: l'auto elettrica del futuro sarà costruita in Europa o in Cina?”

Una volta che il Consiglio adotterà la sua posizione la settimana prossima, inizieranno i negoziati con il Parlamento.

Eurodeputati coinvolti

DALLI Miriam

Head of delegation
Vicepresidente
Malta

VAN BREMPT Kathleen

Head of delegation
Coordinatore
Belgio

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García e gli eurodeputati S&D alla “Conferenza internazionale SPD-PSE” prima del Congresso dell’SPD a Berlino

Comunicati stampa

S&D: il parlamento dichiara l’emergenza climatica. L’Ue assuma la leadership della lotta ai cambiamenti climatici al COP25

Comunicati stampa

S&D: l’Ue e i leader mondiali al COP25 non possono più chiudere un occhio. L’emergenza climatica esige solidarietà e azioni concrete