Condividi:

Il mercato dell’energia elettrica in Europa è stato profondamente trasformato nell’ultimo decennio. Dai vecchi monopoli che controllavano l'intera catena, dalla produzione al consumatore finale, si è arrivati oggi a un panorama in cui le nuove tecnologie, le energie rinnovabili e l'autoproduzione hanno scosso sia l'industria che i prezzi per i consumatori.

Tuttavia, questa nuova realtà ha bisogno di nuove regole per assicurare sia una transizione graduale verso un modello energetico e un approvvigionamento sostenibili, sia prezzi accessibili e trasparenti.

Questo è il motivo per cui oggi i deputati S&D in commissione Industria, energia e ricerca hanno sostenuto due relazioni volte a riformare il mercato dell’energia elettrica.

La portavoce S&D su queste relazioni, Martina Werner dichiara:

“Per il nostro gruppo politico è fondamentale garantire una transizione equa verso un sistema energetico decarbonizzato. Vogliamo evitare impatti sociali negativi, specialmente nelle regioni fortemente dipendenti dal carbone. I lavoratori in questo settore non devono essere lasciati indietro.

“Da un lato, i settori che stanno diventando obsoleti, come il carbone, dovrebbero smettere di ricevere sussidi e ricevere invece finanziamenti per adeguarsi all'economia a basse emissioni di carbonio: sia per le imprese che per i lavoratori.

“D'altra parte, nessun consumatore o famiglia dovrebbe soffrire di povertà energetica. Questo è il motivo per cui vogliamo garantire agli Stati membri la possibilità di regolare i prezzi in determinate circostanze e, almeno, per i prossimi 10 anni. Tale possibilità va limitata ai consumatori vulnerabili e a quelli che vivono in condizioni di povertà energetica, e non deve certo impedire l'ingresso di nuovi attori nel mercato, o incidere negativamente sui mercati all'ingrosso, o ancora comportare costi aggiuntivi e discriminazioni tra gli operatori di mercato”.

Il portavoce S&D sull’energia, Dan Nica dichiara:

“Abbiamo stabilito una serie di criteri da raggiungere per ridurre le perdite degli operatori dei sistemi di trasmissione e distribuzione. Ridurre la perdita di energia farà abbassare i prezzi per i consumatori.

“Vogliamo anche che gli Stati membri definiscano una serie di criteri ai fini della misurazione della povertà energetica sulla base di indicatori quali il basso reddito, l'elevato dispendio energetico e la scarsa efficienza energetica.*

“Gli Stati membri stabilirebbero quindi i piani d'azione nazionali per ridurre il numero di famiglie che hanno difficoltà a pagare le bollette, compresi gli obiettivi e le misure a breve e lungo termine, fissando anche un lasso di tempo per raggiungere questi obiettivi.

 

“Le misure includono la fornitura di benefici nei sistemi di sicurezza sociale, il supporto per i miglioramenti dell'efficienza energetica e il divieto di distacco della corrente nei momenti critici”.

*Nota per la stampa

Le posizioni del gruppo S&D nel Manifesto per la lotta alla Povertà energetica

Eurodeputati coinvolti

NICA Dan

NICA Dan

Head of delegation
Coordinatore
Romania

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Cruciale il contributo S&D sull’accordo in commissione ambiente sulle emissioni di guida reali: la salute prima di tutto

Comunicati stampa

S&D: l’orgoglio di aver condotto il Parlamento a sostenere l’Unione sanitaria europea

Comunicati stampa

S&D chiede migliori soluzioni di stoccaggio e linee guida stringenti per i progetti energetici europei