Condividi:

Il Gruppo S&D accoglie positivamente la proposta della Commissione per una nuova normativa Ue sulle batterie, nata dall’impegno del nostro Commissario Maroš Šefčovič. Questa proposta è importante perché di grande valore ambientale, così come di notevole spessore industriale e strategico. Un mercato europeo delle batterie responsabile, potrebbe creare fino a cinque milioni di posti di lavoro e valere 250 miliardi di euro entro il 2025.

 

Jytte Guteland, europarlamentare S&D coordinatrice in commissione ambiente, ha dichiarato:

 

“Lo sviluppo di batterie apre una strada a un futuro più sostenibile, responsabile e verde. La proposta della Commissione è tempestiva per garantire un aggiornamento esauriente della cornice normativa sulle batterie a livello europeo, in linea con le regole di un’economia circolare, gli obiettivi climatici del 2030 e di neutralità carbonica. Ancora una volta, l’Europa sta affermando uno standard globale sostenibile in uno dei mercati più critici per il futuro e in rapidissima crescita.

 

“Riconosco e apprezzo l’approccio olistico della Commissione. La Direttiva sulle batterie in vigore attualmente, ne copre solo lo stadio finale del ciclo di vita, mentre abbiamo bisogno anche di provvedimenti legali sulla produzione, sulle prestazioni, sulla durabilità, sule emissioni di gas serra e la due diligence. Questa legislazione è ancor più urgente, ora che la domanda di veicoli elettrici e l’elettrificazione del trasporto sta esplodendo. Dobbiamo passare rapidamente a una mobilità a zero emissioni.

 

“Come progressisti, per noi sarà cruciale lo sviluppo di una due diligence autentica e trasparente nel mercato delle batterie, cosicché il boom del settore non amplifichi le violazioni dei diritti umani, dello Stato di Diritto e dell’ambiente. Non possiamo costruire un futuro sostenibile in Europa consentendo l’estrazione senza regole di materie prime nei Paesi terzi. Il futuro deve essere accessibile a tutti. Nessuno deve essere lasciato indietro”.

 

Ismail Ertug, vicepresidente S&D responsabile per la trasformazione industriale e i trasporti, ha aggiunto:

 

“Solo nel 2020, nell’industria europea delle batterie sono stati investiti 25 miliardi di euro, due volte quelli della Cina. L’Europa si accinge a diventare il secondo produttore di batterie al mondo.

 

“La normativa sulle batterie definirà gli standard ambientali ed etici, che potrebbero diventare globali, con un’emissione di CO2 per le batterie prodotte in Europa ridotta del 50% rispetto a quelle prodotte in Cina.

 

“È anche grazie a Maroš Šefčovič se l’Europa diverrà leader del settore, benché solo tre anni fa, buona parte dei player dell’industria fossero riluttanti a investire in questo mercato emergente. Un mercato che può portare alla creazione di 5 milioni di posti di lavoro entro il 2025.

 

“L’Alleanza europea per le batterie, mostra che l’Ue è in grado di avere politiche industriali di successo e questo è l’approccio S&D. Con la strategia giusta è possibile trasformare la nostra industria in modo più veloce e sostenibile, soprattutto nel settore automotive. Possiamo difendere e ampliare la filiera, e creare posti di lavoro ben remunerati e combattere il cambiamento climatico”.

Eurodeputati coinvolti

ERTUG Ismail
ERTUG Ismail
Vicepresidente
Germania
GUTELAND Jytte
GUTELAND Jytte
Coordinatore
Svezia

Contatti stampa S&D

Bernas Jan
BERNAS Jan
Press Officer
Italia

Notizie correlate

Comunicati stampa
Da Göteborg a Porto: i Socialisti tracciano il cammino verso un’Europa più giusta
Comunicati stampa
S&D: i vaccini sono bene pubblico globale e la Commissione dovrebbe sospendere i diritti di proprietà intellettuale
Comunicati stampa
S&D vuole colmare il divario fra le regioni con una mobilità sostenibile e intelligente