Pubblicato:
Condividi:

Turismo e viaggi nell’Ue sono prossimi al punto di non ritorno e i Socialisti e Democratici chiedono alla Commissione europea, al Consiglio europeo e al Consiglio dell’Unione europea di salvare il settore attraverso l’implementazione di un Fondo europeo di garanzia per il turismo. In una lettera inviata ai leader delle tre istituzioni, il Gruppo S&D chiede misure volte a garantire la sopravvivenza delle imprese che operano nel settore e il rispetto dei diritti dei viaggiatori.

S&D invoca l’introduzione di un protocollo europeo di certificazione turistica che permetta alle imprese di contare su linee guida chiare su come implementare misure di sicurezza e prevenzione di una seconda ondata di diffusione del COVID 19.

Qui è disponibile l’intero contenuto della lettera rivolta alla Commissione europea, al Consiglio europeo e al Consiglio dell’Unione europea.

Iratxe García, presidente del Gruppo S&D, ha dichiarato:

“Di fronte a una crisi sfaccettata e senza precedenti, la nostra risposta deve essere all’altezza della sfida. Uno dei settori maggiormente colpiti dagli effetti del COVID 19 è il turismo, attualmente il terzo settore economico in Europa, con un contributo al PIL dell’Unione superiore al 10% e l’impiego di più di venticinque milioni di lavoratori.

“Per salvare questi venticinque milioni di posti di lavoro e milioni di viaggiatori in movimento per piacere, lavoro o motivi personali o familiari, esortiamo i leader delle istituzioni europee ad agire immediatamente, con linee guida comuni e risorse sufficienti a scongiurare il collasso del settore”.

Biljana Borzan, vicepresidente S&D responsabile per il mercato interno e la protezione dei consumatori, ha commentato:

“Siamo consapevoli che molti operatori turistici versino in guai seri e stiamo cercando il modo migliore per aiutarli attraverso l’impiego del bilancio Ue. Dall’altro lato vediamo molte persone e famiglie vivere problemi economici legati alla crisi. Più di un terzo dei cittadini europei in questo momento non sarebbe in grado di sostenere costi e spese inaspettate. Per questa ragione il Gruppo S&D non permetterà che siano i cittadini a fungere da creditori e ammortizzatori per l’industria del turismo, sostenendo costi e spese per servizi turistici di cui non hanno usufruito. I consumatori devono essere messi nelle condizioni di ricevere i rimborsi dei viaggi e dei pacchetti turistici cancellati, così come previsto dalla legislazione europea. Solo tutelando i consumatori e mantenendo alto il livello di fiducia nel settore potremo tenere in vita il turismo, tanto importante per l’Europa”.

Ismail Ertug, vicepresidente Ue responsabile dei trasporti, ha poi aggiunto:

“Milioni di posti di lavoro sono ad alto rischio. Vogliamo aiutare il settore turistico a superare la seria minaccia di questa crisi. Attraverso l’istituzione di un Fondo europeo di garanzia per il turismo vogliamo iniettare risorse fresche nelle imprese del settore con problemi di liquidità e salvarle dalla bancarotta. Con l’introduzione di un protocollo di certificazione turistica intendiamo guadagnare la fiducia dei turisti e garantire sicurezza all’interno dell’Unione europea. Dobbiamo agire adesso, o potrebbe essere troppo tardi”.

Documenti correlati

Pubblicato: 09/01/2019

S&D letter on tourism

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna
BORZAN Biljana

BORZAN Biljana

Head of delegation
Vicepresidente
Croazia
ERTUG Ismail

ERTUG Ismail

Vicepresidente
Germania

Contatti stampa S&D

Chiru Dana

CHIRU Dana

Press Officer
Romania

Notizie correlate

Comunicati stampa

CRR Quick FIx: nuove regole spingono le banche a iniettare denaro nell’economia reale

Comunicati stampa

Unità senza precedenti oggi in plenaria: S&D traina l’Assemblea verso un bilancio ambizioso, sociale ed ecologico

Comunicati stampa

Lettera congiunta dei leader dei gruppi politici del Parlamento europeo ai leader dell’Ue, in vista della seduta del Consiglio europeo