Condividi:

Il gruppo S&D, a capo di un’ampia coalizione di partiti, ha ottenuto un’importante vittoria su un testo in cui si dice basta a prodotti e consumatori di seconda classe. Con questo voto, il Parlamento europeo ha riconosciuto l'esistenza di alimenti e di altri prodotti di consumo di doppia qualità, una pratica che si riferisce alla vendita di prodotti apparentemente identici ma di qualità inferiore in alcuni paesi europei rispetto ad altri. Questa è una battaglia che il gruppo S&D ha combattuto anche prima che il problema diventasse oggetto di dibattito pubblico.

L'autrice della relazione del Parlamento sulla doppia qualità dei prodotti, l'eurodeputata S&D Olga Sehnalová dichiara:

"In qualità di relatrice, sono molto lieta che il Parlamento abbia votato a stragrande maggioranza a favore di questo testo sui doppi standard dei prodotti. Dopo sette anni, le istituzioni dell'Ue finalmente riconoscono che la doppia qualità dei prodotti esiste ed è un vero problema che riguarda la vita di milioni di cittadini dell'Ue.

"La vendita di prodotti alimentari e prodotti di qualità inferiore in alcuni Stati membri, nonostante la confezione e il marchio siano apparentemente identici, è inaccettabile. È una pratica commerciale sleale che mina la fiducia dei consumatori e il funzionamento stesso del mercato unico. I prodotti con lo stesso marchio e imballaggio dovrebbero avere la stessa composizione in tutta l'Ue. Le preferenze dei consumatori non possono più essere una scusa per differenze di qualità flagranti.

‘Per noi Socialisti e Democratici, non ci può essere alcun trattamento discriminatorio tra est e ovest, nord e sud. Il cibo e gli altri prodotti che consumiamo a Praga e Sofia non possono essere di qualità inferiore a quelli di Berlino e Stoccolma. Tutti i consumatori europei, indipendentemente dal loro paese di residenza, meritano di essere trattati equamente e su base paritaria. A tal fine, chiediamo alla Commissione di rivedere urgentemente la direttiva sulle pratiche commerciali sleali (UCPD). La pratica di ‘un marchio, un prodotto, un contenuto e una composizione diversi’ deve essere fermata ora!"

L'europarlamentare Biljana Borzan, negoziatrice S&D a nome della commissione Salute e ambiente, aggiunge:

“Numerosi studi nell’Ue mostrano che prodotti alimentari apparentemente identici possono essere di qualità inferiore e meno sani nei paesi dell'Europa orientale. È dimostrato che gli spread al cioccolato, gli yogurt, le bevande analcoliche, ecc. Contengono ingredienti di qualità diversa, sebbene appaiano identici ai consumatori. Questo è ingiusto e potenzialmente pericoloso.

“Non ci dovrebbero essere cittadini di seconda classe nell'UEe. Le aziende non possono continuare con le loro pratiche come se nulla fosse e mettere a rischio la salute dei consumatori europei. Non ci dovrebbero essere est e ovest in questo problema; siamo tutti una sola Unione. Oggi abbiamo inviato un chiaro messaggio: possiamo anche essere diversi l’uno dall’altro, ma siamo tutti uguali nell'Ue”.

 

Eurodeputati coinvolti

BORZAN Biljana

BORZAN Biljana

Head of delegation
Vicepresidente
Croazia

Notizie correlate

Comunicati stampa

Cruciale il contributo S&D sull’accordo in commissione ambiente sulle emissioni di guida reali: la salute prima di tutto

Comunicati stampa

S&D: l’orgoglio di aver condotto il Parlamento a sostenere l’Unione sanitaria europea

Comunicati stampa

S&D chiede migliori soluzioni di stoccaggio e linee guida stringenti per i progetti energetici europei